Nonostante abbiano identici genomi, le cellule del cancro possono comportarsi in modo diverso l’una dall’altra anche nella risposta alla chemioterapia. La ricerca degli studiosi del Campbell Family Institute di Toronto (Canada) è stata pubblicata sulla rivista scientifica ‘Science’.

Queste ricerche sfidano l’idea prevalente che le differenze genetiche siano principalmente responsabili per le varie forme di comportamento delle singole cellule all’interno di un tumore solido. Alcune di queste differenze sono essenziali per il modo in cui il cancro risponde ai trattamenti. Per esempio, in molti tumori solo certe cellule alla fine guidano la crescita di un tumore o diventano resistenti alla chemioterapia: prendere queste a bersaglio potrebbe essere uno degli scopi chiave della terapia del cancro, ma le nuove ricerca suggeriscono anche che basarsi solo sulla loro genetica potrebbe essere infruttuoso.

Antonia Kreso e colleghi hanno monitorato i profili genetici e il comportamento della crescita di cellule del cancro al colon-retto trapiantata in topi. Le cellule tumorali clonate dalla stessa linea genetica hanno mostrato un tempo di sopravvivenza estremamente diverso, così come sono risultate diverse le dinamiche di crescita e la risposta ai farmaci della chemioterapia. Meccanismi di regolazione epigenetica o variabili microambientali, in particolare, avevano dotato un sottogruppo di cellule tumorali di robusta sopravvivenza, specialmente durante lo stress.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le malattie dei poveri

next
Articolo Successivo

Vaccini anti cancro, Forni (Cnr): “Sono ancora molto lontani”

next