Il prossimo 18 dicembre compirà tre mesi, eppure il quotidiano Pubblico sembra essere già avviato sulla strada della chiusura. La notizia compare sul sito del giornale fondato e diretto da Luca Telese. Qui oggi è stato pubblicato un comunicato dell’assemblea dei redattori che annuncia la grave situazione in cui si trova la testata: “L’azienda – si legge – con una tempistica inaccettabile, ci ha comunicato che la tenuta economica è grave al punto da palesare già nei prossimi giorni uno scenario di messa in liquidazione della Pubblico edizioni srl. E tutt’ora non abbiamo nessuna certezza né garanzia su cosa verrà dopo”.

Ma i redattori non ci stanno: “Non accettiamo di essere liquidati in modo così brutale. Qualsiasi decisione dovrà avvenire nel confronto con la redazione e le rappresentanze sindacali, facciamo appello al senso di responsabilità di tutti. Dell’amministratore delegato di questo giornale Tommaso Tessarolo, del direttore Luca Telese. Davanti abbiamo mesi cruciali e una campagna elettorale decisiva per il futuro del Paese – concludono – . Ai lettori chiediamo di sostenerci scegliendo questo giornale ogni giorno”. E annunciano uno sciopero per cui il sito di Pubblico il 16 dicembre non viene aggiornato e il 17 non si troverà in edicola. “Scioperiamo in difesa del nostro lavoro, di queste pagine e della possibilità di continuare a scriverle, senza perdere diritti e dignità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Qualcuno si ricorda chi ha vinto il Festival di Sanremo?

next
Articolo Successivo

Dopo zio Michele e l’ecografia di Carmen Russo, su Canale 5 c’è il Berlusconi show

next