Diranno che avere una pistola non significa essere degli assassini.
Diranno che è perché gli americani sono cattivi
Diranno che è il Secondo Emendamento che sancisce questo diritto
Diranno che è giusto proteggersi e farsi giustizia da soli
Diranno che le pistole non sparano ma a farlo sono degli esseri umani e dunque la colpa non è delle armi
Diranno un milione di altre baggianate.
Le diranno forte e con convinzione perché bisogna convincersi di non essere potenziali assassini.
Ma i genitori di 22 bambini, fre cinque e dieci anni, in Connecticut, non gli crederanno.
Ed io con loro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Rompere recinti”, a Firenze per festeggiare i trent’anni del CNCA

next
Articolo Successivo

La strage del Connecticut e il “gun regime”

next