“Ho parlato ieri pomeriggio con Silvio Berlusconi che conosco da molti anni e gli ho ribadito molto francamente l’importanza di avere un’Italia stabile e che prosegua sulla strada delle riforme. Questo è cruciale per l’Italia e per l’Europa”. Lo ha detto il presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso al termine dell’incontro con il presidente del Consiglio Mario Monti a Bruxelles. 

”Le elezioni non devono essere una scusa per rallentare l’impegno dell’Italia sul fronte delle riforme e del consolidamento dei conti”, ha aggiunto sostenendo che i costi del debito italiano, “giunti ora al più basso livello dal 2010 sono direttamente collegati alla credibilità del governo italiano: progressi significativi sono stati fatti negli ultimi mesi per ridurre l’elevato livello del debito. Sono fiducioso che l’Italia continuerà su questa strada, che è la precondizione per tornare a crescere e a creare posti di lavoro”.

Dal canto suo Monti riconferma di non avere preoccupazioni sull’allontamento dell’Italia dal percorso di integrazione europea. “Quale che sarà l’esito delle elezioni  -ha detto il premier – ci sarà in Italia un governo che si collocherà nella linea tradizionale di forte appoggio all’integrazione europea”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bce: “Eurozona, aumento disoccupazione e recessione. Ripresa nel 2013”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, al vertice Ppe Berlusconi ci riprova con Monti: “Candidati”

next