L’economia della zona euro, che si contrae sotto il peso di tre anni di crisi del debito e di una disoccupazione ai massimi storici, avrebbe maggiori possibilità di ripresa se la moneta unica potesse svalutarsi nel rapporto con il dollaro americano ed iniziasse a comportarsi più come la lira italiana che non come il marco tedesco. É il punto di vista di un numero crescente di investitori e analisti che ritengono l’euro sia troppo forte per il bene dell’Europa.

Alberto Bisin – Professore di economia politica dell’università di New York da New York: “Uscire dall’euro significa dichiarare al mondo che non siamo in grado di tenere il ritmo del resto dell’Europa e causare la fuga dei mercati, i vantaggi sarebbero di breve periodo e non aggiusterebbero la struttura produttiva, torneremmo nella stessa situazione entro pochi anni con in più l’aggravante di avere perso l’accesso ai mercati finanziari internazionali, sarebbe una catastrofe“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo sciacallaggio delle banche e il gioco perverso degli Stati

next
Articolo Successivo

Spread Btp-Bund a quota 350 punti. Milano crolla in apertura, poi la ripresa

next