L’economia della zona euro, che si contrae sotto il peso di tre anni di crisi del debito e di una disoccupazione ai massimi storici, avrebbe maggiori possibilità di ripresa se la moneta unica potesse svalutarsi nel rapporto con il dollaro americano ed iniziasse a comportarsi più come la lira italiana che non come il marco tedesco. É il punto di vista di un numero crescente di investitori e analisti che ritengono l’euro sia troppo forte per il bene dell’Europa.

Alberto Bisin – Professore di economia politica dell’università di New York da New York: “Uscire dall’euro significa dichiarare al mondo che non siamo in grado di tenere il ritmo del resto dell’Europa e causare la fuga dei mercati, i vantaggi sarebbero di breve periodo e non aggiusterebbero la struttura produttiva, torneremmo nella stessa situazione entro pochi anni con in più l’aggravante di avere perso l’accesso ai mercati finanziari internazionali, sarebbe una catastrofe“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lo sciacallaggio delle banche e il gioco perverso degli Stati

prev
Articolo Successivo

Spread Btp-Bund a quota 350 punti. Milano crolla in apertura, poi la ripresa

next