Pagina 8 della Süddeutsche Zeitung, sabato 8 dicembre. Nel giorno in cui Mario Monti salirà al Colle da Napolitano per annunciare le dimissioni dopo l’approvazione della legge di stabilità, il giornale tedesco commenta la scelta di Silvio Berlusconi di scendere in campo, ancora una volta.

Una decisione che il quotidiano liberale commenta con un articolo dal titolo: “Ritorno a galla”. Catenaccio: “L’ex presidente Berlusconi scende di nuovo in campo il suo partito mette fine all'”esperimento di Monti”. Quello che colpisce, però, è l’immagine scelta per il pezzo (qui). E’ stata scattata durante una manifestazione e ritrae il volto dell’ex Presidente del Consiglio all’interno di una tazza del water corredato della scritta “scaduto”. E nella didascalia si legge: “‘Mi bombardano di richieste di candidarmi’, ha detto Berlusconi. Ma sotto questa foto c’è scritto ‘scaduto'”.

Un’immagine che insieme al titolo del ‘ritorno al galla’ sembra molto più di un’allusione. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Berlusconi si può battere

next
Articolo Successivo

In edicola sul Fatto del lunedì: la crisi di governo e la ‘Casta delle case’

next