Si attesta intorno ai 300 punti base lo spread tra il Btp e il Bund tedesco. Per tutta la mattina il differenziale di rendimento si è mantenuto poco al di sotto dei 300 punti col tasso sul decennale italiano al 4,40%. Il 3 dicembre ha toccato il minimo da marzo scorso spingendosi fino a 292 punti, poco sopra la quota di 287 auspicata dal premier Monti, ovvero la metà del livello da quando è entrato in carica nel novembre 2011. Secondo il ministro dell’Economia Vittorio Grilli il calo degli spread in Italia “è dovuto a una combinazione di fattori, l’Ue e l’Italia stanno assolvendo ai propri impegni e quindi c’è un giudizio positivo dei mercati che hanno riacquistato fiducia nell’euro e nell’Italia”.

In mattinata invece Piazza Affari e le altre borse europee accelerano il passo nel primo scorcio di seduta. La piazza milanese accelera assieme ai titoli del comparto bancario, cauti al via delle contrattazioni. Il Ftse Mib viaggia in buon rialzo (+1,1%). Acquisti sulle banche con in evidenza Mps (+7,16%) grazie a ricoperture dopo una serie di cali. Bene anche Ubi (+3,93%), Mediobanca (+2,85%), Bpm (+2,86%). Generali sale del 2% con due report positivi di Merrill Lynch e Jp Morgan nel giorno dell’incontro tra manager e consiglieri. FTonica Fiat, in rialzo dell’1,19%, mentre fra gli energetici Eni ed Enel segnano progressi oltre il mezzo punto percentuale. Fra i titoli in negativo si segnalano Tenaris (-1,04%), Atlantia (-0,31%), Stm (-0,17%) e Pirelli (-0,16%). 

Chiusura negativa di Tokyo e Wall Street, influenzate dal calo inatteso dell’indice Ism sul manifatturiero Usa e dallo stallo delle trattative sul ‘fiscal cliff’, che controbilancia l’impatto positivo dell’avvio del ‘buyback’ del debito greco.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ipoteca dello spread sulla campagna elettorale

next
Articolo Successivo

Natale, sotto l’albero il 3% in meno dei consumi del 2011

next