Quattordici morti e sette feriti. E’ questo per ora il bilancio di un incendio, forse provocato da una esplosione, in un istituto-fabbrica per la riabilitazione che ospita disabili. E’ accaduto nella Foresta Nera, in Germania, a Titisee-Neustadt, 40 a est di Friburgo. Secondo la stampa tedesca c’è stato uno scoppio in un deposito del palazzo. I vigili del fuoco, intervenuti sul posto, hanno salvato, utilizzando i respiratore, molti lavoratori che rischiavano di soffocare a causa del fumo. Sul posto sono intervenute diverse squadre di soccorritori e sono stati utilizzati anche gli elicotteri. 

Nei laboratori dell’istituto sono impiegate circa 120 persone con disabilità mentali o fisiche. Anche un’ora dopo lo scoppio dell’incendio il fumo continuava a uscire dal palazzo. Secondo una prima sommaria ricostruzione sarebbero stati alcuni prodotti chimici, conservati in un deposito, a provocare il rogo. Nella fabbrica – che secondo la Dpa fa capo alla Caritas – i pompieri hanno messo in salvo moltissime persone fra disabili e personale. Sul posto sono accorsi anche diversi elicotteri, per le operazioni di salvataggio. 

Il rogo è scoppiato intorno alle 14, in seguito all’esplosione in un magazzino di legname, che ha provocato anche l’incendio del tetto, con lo sviluppo di un denso fumo. Al momento non è chiaro se nel luogo dell’esplosione fossero contenute sostanze chimiche. Il laboratorio di legname, situato in un edificio di quattro piani costruito dalla Caritas nel 1970 nella Adolph-Kolping-Strasse, ospita i disabili i quali oltre al legno lavorano anche metalli e montano componenti di apparecchi elettrici. Al momento dell’esplosione erano 50 i disabili che erano al lavoro nella struttura. Le operazioni di spegnimento delle fiamme sono durate oltre due ore e l’edificio è tuttora avvolto nel fumo. Molti disabili sono stati presi dal panico e questo ha reso ancora più complicato l’intervento dei vigili del fuoco: “Abbiamo a che fare con persone che per natura non reagiscono in modo razionale”, ha spiegato uno dei responsabili dell’operazione Alexander Widmaier, citato dalla Dpa. Sul posto sono stati inviati 300 soccorritori e diversi elicotteri.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arafat avvelenato come Litvinenko? Domani la riesumazione decisiva

next
Articolo Successivo

Bangladesh, non era a norma la fabbrica della strage che produce anche per l’Italia

next