La società Selex Sistemi integrati ha concordato il patteggiamento con la procura di Roma nell’ambito della vicenda giudiziaria legata agli appalti Enav, Ente nazionale di assistenza al volo. L’accordo trovato tra gli amministratori della società controllata da Finmeccanica e il pm Paolo Ielo prevede che due milioni di euro (di cui uno destinato all’Enav) vengano restituiti a titolo di risarcimento.

Nei confronti di Selex, il cui ex amministratore delegato, Marina Grossi, è stato recentemente rinviato a giudizio, non sono state applicate misure interdittive alla luce del risarcimento e della confisca effettuata e dei buoni modelli organizzativi messi in atto dalla nuova amministrazione. Per questa vicenda affronterà un processo anche l’ex direttore commerciale di Selex, Manlio Fiore. Il filone di inchiesta riguarda episodi di corruzione che portarono all’arresto, nel novembre dello scorso anno, tra gli altri, anche dell’allora amministratore delegato di Enav, Guido Pugliesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge diffamazione, il Senato boccia il carcere per i giornalisti

next
Articolo Successivo

Caso Sallusti, la rivolta dei pm. Pronti a chiedere svuota carceri per tutti

next