Cinquecento miliardi di neuroni, 100 mila miliardi di sinapsi. Ibm ha annunciato di aver messo a punto la più grande simulazione di un cervello. Il progetto, battezzato in codice Compass, ha lo scopo iniziale di simulare il cervello di un macaco, una specie di scimmia comunemente usata nei laboratori dei neuroscienziati. La scala dell’esperimento è ben più ambiziosa di quanto mai tentato fino ad ora. “E’ una pietra miliare cognitiva”, ha commentato Science News Daily mentre tra gli addetti ai lavori c’è chi ha salutato Compass come il precursore di una simulazione del cervello dell’uomo.

L’iniziativa rientra in un filone di studi noto come ingegneria neuromorfica, un approccio per costruire computer che assomigliano al cervello umano proposto negli anni Ottanta dall’ingegnere di Caltech Carver Mead. Mentre i normali computer lavorano in serie (un passo dietro l’altro), i sistemi neuromorfi operano in parallelo prendendo ispirazione il più possibile dai meccanismi del cervello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Non siamo ratti di 70 kg! Ma il politico pensa di sì

prev
Articolo Successivo

Einstein, cervello più piccolo della media ma con onde e pieghe anomale

next