A me, dell‘inno nazionale, frega davvero nulla. Magari vi farò arrabbiare, con questo mio coming out anti-nazionale e disfattista, ma sinceramente la storia dell’insegnamento coatto dell’inno a scuola mi fa venire i brividi. È un obbligo anacronistico, stantio, che sa di muffa e di fez impolverato.

Nel 2012 ha ancora senso un’appartenenza quasi militaresca a una nazione, con tanto di inno da imparare a memoria tra i banchi di scuola? In un mondo che, nel bene o nel male, è globalizzato che più globalizzato non si può, conta di più parlare inglese o canticchiare “già l’aquila d’Austria le penne ha perdute”? Conta di più approfondire le bistrattate materie scientifiche o sapere che “i figli d’Italia si chiaman Balilla e il suon d’ogni squilla i vespri sonò”?

Magari sono strano io, per carità. Magari sono un pericoloso sovversivo nemico della Patria. Può darsi, non lo escludo. Ma questo ritrovato (e ipocrita) furore nazionalista mi fa venire l’orticaria. E quasi quasi, se non fosse vilipendio o qualcosa del genere, verrebbe voglia, pensando all’Inno di Mameli, di parafrasare il ragionier Fantozzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La scuola non ha bisogno dell’inno di Mameli

prev
Articolo Successivo

Non fare il prof reazionario!

next