La benzina scende sotto la soglia di 1,8 euro al litro, per la prima volta da febbraio scorso. L’ultima scia di ribassi ha portato il prezzo medio della verde a 1,794 euro al litro nei distributori TotalErg (il marchio con il prezzo più basso al momento secondo le rilevazioni di Staffetta Quotidiana). Sotto 1,8 anche Q8 a 1,799 euro. Il calo era iniziato nei giorni scorsi. Rispetto ai picchi di quest’estate i prezzi della benzina sono diminuiti abbandonando la soglia dei 2 euro ed avvicinandosi sempre più a 1,8 euro al litro. In pratica, dall’inizio di agosto, il costo di un pieno è diminuito di circa 9 euro.

Archiviate le campagne promozionali estive, che hanno spinto gran parte degli italiani a fare la coda nel weekend per risparmiare un pò sul rifornimento, il sollievo per le tasche degli automobilisti è arrivato giorno dopo giorno dal calo naturale dei prezzi, scesi come conseguenza della diminuzione del costo internazionale dei prodotti raffinati. Se infatti, al netto delle variazioni giornaliere, il prezzo del petrolio resta più o meno sugli stessi livelli di quest’estate (tra i 105 e i 110 dollari per il Brent e tra gli 85 e i 90 per il Wti americano), a cambiare è stato il rapporto euro/dollaro mentre scendevano, significativamente, i prezzi della benzina e del gasolio lavorati nel Mediterraneo. Le compagnie, i cui margini restano comunque elevati, avevano quindi optato, soprattutto negli ultimi giorni, per decise sforbiciate, trascinando il prezzo della verde a circa 1,82 euro, ben lontano dal picco estremo di 2,008 euro registrato in Toscana ad agosto scorso (quando cioè ancora vigeva l’accisa regionale di 5 centesimi per le alluvioni in Lunigiana, cancellata dal primo ottobre).

Il costo di un pieno da 50 litri di un’auto a benzina di media cilindrata è così passato nel giro di tre mesi da oltre 100 euro a 91. E l’effetto è già evidente anche secondo i calcoli dell’Istat. Ad ottobre il prezzo della verde è infatti diminuito secondo l’istituto di statistica del 2,5% rispetto a settembre, con un impatto anche sul dato complessivo dell’inflazione, scesa lo scorso mese al 2,6%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Chiesa del neoliberismo

next
Articolo Successivo

Expo, a che gioco giochiamo?

next