L’effetto “choosy” non si è fermato. Le polemiche successive alla frase del ministro sui giovani schizzinosi continueranno sicuramente anche nei prossimi giorni. La responsabile del Welfare si sente sotto pressione; in alcuni incontri è stata fischiata in altri contestata. Poi quella frase sui i ragazzi italiani che non si accontentato e giù ancora polemiche. E così oggi il ministro del Lavoro Elsa Fornero avrebbe voluto proteggersi dai giornalisti nei due incontri organizzati a Torino. Il primo con avvocati e giuslavoristi, il secondo con i giovani. In entrambi i casi i rappresentanti della stampa sono invitati dagli organizzatori a lasciare le sale in cui si svolgevano i dibattiti. Il primo episodio è stato registrato questa mattina alla Fondazione dell’Avvocatura torinese ‘Fulvio Croce’. Dopo l’intervento di uno degli organizzatori, prima che il ministro prendesse la parola, il moderatore ha sollecitato la stampa ad uscire sottolineando che l’incontro era a “porte chiuse”.

Nel pomeriggio, nuovo invito a lasciare la sala dell’Unione Industriale dove era in corso un dibattito con i giovani. La sollecitazione, però, non è stata raccolta dai cronisti che non si sono alzati anche perché a moderare l’incontro era un collega. E così il ministro, prima di entrare nel merito della discussione, ha osservato: “Parlerò molto più lentamente, perché dovrò pensare ogni parola. Naturalmente farò degli errori, questo è indubbio, e saranno gli errori a fare i titoli, questo l’ho imparato sulla mia pelle. Parli 40 minuti, dici delle cose sensate, pacate, positive, poi ti scappa una parola, e dico una parola non una frase, e quella fa il titolo e determina dibattiti che durano settimane. Questo è uno stato del mondo, inutile lamentarsene”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il punto di G di Grillo: la società dello spettacolo

prev
Articolo Successivo

I nostri dipendenti (dal manuale di logica grillina)

next