Il sito del Fatto Quotidiano ha registrato ad ottobre una crescita del 15% rispetto allo scorso settembre, registrando il terzo miglior risultato di sempre con 5.055.612 browser unici, 16.822.599 visite e 50.940.802 pagine viste (dati Site Census).

Si tratta quindi del terzo miglior risultato della storia del fattoquotidiano.it, dopo quelli registrati a novembre 2011, mese delle dimissioni di Silvio Berlusconi, e a maggio 2012, mese delle elezioni amministrative e del terremoto in Emilia Romagna.

Nel novembre 2011, le dimissioni di Berlusconi hanno portato il sito a toccare la vetta dei 5.468.532 browser unici, delle 19.530.302 visite e delle 66.892.948 pagine viste. Le elezioni amministrative e il terremoto in Emilia del maggio 2012, invece, hanno fatto registrare 5.117.303 browser unici, 17.450.022 visite e 55.488.270 pagine viste.

Argomenti caldi del mese di ottobre, le elezioni in Sicilia, la condanna di Berlusconi per il processo Mediaset e la polemica per il taglio ai fondi per l’Erasmus.

Questi in dettaglio i dati registrati da Site Census ad ottobre 2012, con la percentuale di crescita rispetto a settembre:

  • Browser Unici: 5.055.612 +15,10%
  • Visite: 16.822.599 +15,83 %
  • Pagine Viste: 50.940.802 +14,46%
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La libertà di stampa nell’era delle multinazionali

next
Articolo Successivo

Rosario Crocetta: in ginocchio da te

next