Emilio Fede si rimette alla “clemenza della Corte”: dice di non avere più soldi per pagare gli avvocati. L’ex direttore del Tg4 lo spiega in un’intervista al settimanale Oggi: finora ha speso circa un milione di euro e non può più “permettersi di pagare spese legali” per il processo sul caso Ruby, in cui è imputato insieme a Nicole Minetti e Lele Mora. “E poi – ha aggiunto – ho fatto un calcolo: ho ottant’anni, in galera non ci vado. Se mi danno i domiciliari, ho una casa che affaccia su un giardino, comprerò un chihuahua e farò ginnastica”.

Fede ha quindi dichiarato di avere fiducia nella magistratura: “Perché dovrebbero prendersela con un poveraccio come me che dopo 24 anni a Mediaset è andato via senza neanche la buonuscita? L’unica cosa su cui spenderò tutti i miei soldi è nella ricerca del mittente della lettera anonima al Corriere della Sera con la bufala della valigetta di soldi che avrei tentato di portare in Svizzera”. E sulla scelta di Berlusconi di non candidarsi a premier ma di non lasciare la scena politica ha detto: “Al suo posto avrei fatto la stessa cosa: perso per perso le provi tutte. La magistratura con la condanna a 4 anni ha fatto un autogol: non si può accompagnare così all’uscita di scena uno come lui”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia, “Soldi narcotraffico a Dell’Utri per investimento in attività Berlusconi”

prev
Articolo Successivo

Caso Mastrogiovanni, Morì legato in ospedale: condannati i medici

next