La prima volta che lo fai vorresti fosse con un ragazzo “carino”, capace di prendersi cura di te e di capire le donne. Fare l’amore, insomma, è come votare.

Lo spot della campagna di Obama che paragona sesso e voto non è piaciuto troppo ai Repubblicani. Eppure coglie nel segno, perché rivela i caratteri più intimi del voto: farlo per la prima volta significa perdere la verginità (intima o politica, sul piano simbolico, poco conta), è una cosa che ti riguarda, importante per la tua vita, non è un gesto da fare con leggerezza perché, alla fine, quello che ti lega al tuo partner, come al tuo candidato, è un rapporto intimo.

Fondato, in politica, su un’idea di mondo da realizzare insieme. Proprio come in amore. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, Grillo: “Qui è difficile trovare incensurati”. Selezioni nei meetup

next
Articolo Successivo

Riva del Garda, fischi e proteste contro il premier: “sMontiamo l’austerità”

next