Il presidente Abi, Giuseppe Mussari, dovrebbe dimettersi. E’ quanto chiede il presidente dell’Adusbef, Elio Lannutti in una nota all’indomani della notizia dell’iscrizione dell’ex numero uno del Monte dei Paschi di Siena nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla rovinosa acquisizione di banca Antonveneta da parte della storica banca senese.

Il parlamentare Idv che guida l’associazione dei consumatori sottolinea in particolare che “il filone d’inchiesta penale portato avanti da tre pubblici ministeri e dal nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza di Siena sull’acquisizione di Antonveneta da parte del Monte dei Paschi di Siena nel 2007, ad un prezzo assolutamente folle e superiore a 10 miliardi contro una valutazione di molto inferiore” vede iscritto nel registro degli indagati “il numero uno dei banchieri italiani, che da presidente di Banca Mps curò l’operazione”.

Nella nota l’Adusbef ripercorre “l’inchiesta per aggiotaggio, manipolazione del mercato sul titolo azionario di Banca Mps e ostacolo alle attività di vigilanza” e afferma come sia “lo specchio di uno scandalo gravissimo per utenti consumatori, lavoratori e per la stessa banca, costretta a chiedere 3,9 miliardi di euro di aiuti statali, tramite aumento del debito pubblico, dopo un passivo di quasi 5 miliardi di euro”.

“Sarà la magistratura ad accertare se siano state pagate o meno ‘commissioni’ per quasi 2 miliardi di euro, ma il fatto che banchieri indagati o rinviati a giudizio per reati gravissimi, siano sempre più numerosi – prosegue la nota -, come l’ex ad di Banca Intesa Corrado Passera, il numero uno dell’Abi Mussari, o del presidente del Mps Alessandro Profumo, che continua a dare lezioni di moralità, dovrebbe indurre i protagonisti ad una riflessione e la Banca d’Italia ad assumere coraggiose iniziative conseguenti, anche sul piano etico e dell’onorabilità bancaria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, la più colpita è la generazione mille euro

next
Articolo Successivo

L’Italia spende tanto e male. Invece potrebbe tagliare Irap e Irpef

next