All’indomani della pubblicazione delle motivazioni della sentenza definitiva per gli abusi alla Diaz, le cronache hanno registrato nuovi fatti sconcertanti circa il rapporto fra autorità di polizia e cittadini, per esempio il trattamento riservato agli studenti scesi in piazza in varie città italiane. Ma i comportamenti che mettono a dura prova la fiducia negli apparati di sicurezza non riguardano solo la gestione dell’ordine pubblico: la sequenza di fermi di polizia che finiscono in tragedia è ormai impressa nella memoria di molti italiani. Perché si susseguono tutti questi abusi e quali sono i meccanismi sui quali è necessario intervenire per prevenirli e sanzionarli adeguatamente? “Uomo da marciapiede” ha posto la questione ai cittadini in giro per le strade di Genova. Per molti il problema centrale è culturale. Ma è sentita anche la necessità di nuove regole, capaci di far crescere trasparenza e responsabilità. Alcune delle proposte emerse dal dibattito pubblico negli ultimi anni le abbiamo sintetizzate nel nostro sondaggio, dall’introduzione di un codice identificativo per gli agenti all’approvazione del reato di tortura. Qual è, secondo i lettori del fattoquotidiano.it, la riforma più urgente? Dì la tua nei commenti e votando la risposta che ti convince di più di Piero Ricca, riprese e montaggio di Niccolò Brindasso


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dopo le elezioni il Monti bis? Il vox di Ricca

prev
Articolo Successivo

Parlamentari, dopo due mandati tutti a casa? Il Vox pop di Piero Ricca

next