La festa civica di Bologna, quella vera, arriva ogni anno il 7 ottobre con la Giornata nazionale dei risvegli. Per il 2012 Alessandro Bergonzoni, storico compagno di strada dell’associazione Gli amici di Luca, ha coniato lo slogan “Quando l’ahimè diventa hai me!”. Per affermare che oltre il rammarico e la commiserazione bisogna ripartire da chi vive il problema, dalle famiglie, dalle associazioni. “Sarà un momento di festa nel cuore di Bologna, perché Bologna ha nel cuore la Casa dei Risvegli”, commenta Fulvio De Nigris, direttore del Centro studi sul Coma presso la Casa dei Risvegli.

Si comincia sabato 6 ottobre All’auditorium Biagi in Sala Borsa con la Conferenza nazionale di consenso tra le associazioni dei familiari. “Siamo alla quattordicesima edizione e l’obiettivo è sempre quello: dare voce ai bisogni delle famiglie” spiega De Nigris,. “Nella Conferenza – prosegue – le associazioni si incontrano, insieme ai sanitari e agli operatori, per cercare risposte e soluzioni concrete alle necessità non soddisfatte dei malati in stato vegetativo e di chi li cura. Con i risultati dei gruppi tematici sarà redatto un documento operativo condiviso”.

Ma la Giornata dei risvegli è per tutta la città: domenica 7 dalle ore 10 in Piazza Maggiore ci saranno giochi, sport e attività creative per bambini e ragazzi con il Centro sportivo italiano, nel pomeriggio laboratorio teatrale aperto a tutti con Babilonia Teatri, nel corso della giornata lancio di palloncini, in contemporanea con altre città italiane, con i ‘messaggi per un risveglio’.

Poi c’è il teatro, da sempre terreno elettivo dell’attività dell’associazione perché andando sulla scena i pazienti con esiti di coma costruiscono nuove risorse esistenziali e si riprendono qualcosa di quello che gli stati vegetativi hanno tolto loro. In occasione della Giornata dei risvegli il comune ha annunciato che per le attività teatrali degli Amici di Luca sarà messo a disposizione un nuovo spazio.

“Presentiamo l’anteprima di un lavoro in collaborazione con Babilonia Teatri, Pinocchio – Il paese dei balocchi, che poi debutterà al Teatro Storchi di Modena l’8 dicembre. Ogni anno abbiamo collaborato con personaggi e artisti del teatro. Quest’anno abbiamo scelto un gruppo emergente, capace di affrontare temi difficili. Li sentiamo vicini a noi perché anche loro sono esploratori di territori poco conosciuti”.

In scena ci sono gli attori di Babilonia Teatri e quelli della compagnia degli Amici di Luca. Enrico Castellani, autore dello spettacolo insieme a Valeria Raimondi, racconta l’incontro tra le due formazioni: “Siamo rimasti affascinati da queste persone che vivono condizioni estreme, molto lontane dalle nostre. E anche dal fatto che hanno scelto il teatro”.

Ma come superare le distanze e lavorare insieme? “Abbiamo cercato di far vivere la loro autenticità. Non sono attori di mestiere, quindi non abbiamo chiesto loro di ‘fare’ gli attori, ma abbiamo offerto una struttura compositiva che potesse contenere il loro modo di essere”. Pinocchio sarà in scena alla Casa dei Risvegli Luca De Nigris, Via Altura, 3. Si replica l’8 e il 9, sempre alle ore 21.

Informazioni presso l’Associazione Gli amici di Luca, tel. 051 6494570, www.amicidiluca.it. 

di Nicola Zuccherini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Joy Division, Smiths, Oasis: la musica di Manchester in mostra a Bologna (gallery)

prev
Articolo Successivo

Addio Pop Porno. L’ironia di Gianluca De Rubertis non maschera il cattivo gusto

next