‘Dateci minor carico fiscale, stiamo morendo di fisco. Siamo disponibili a rinunciare a tutti gli incentivi in cambio di una riduzione della pressione fiscale a carico di imprese e famiglie”. E’ la richiesta del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che agli Stati generali della Nord al Lingotto di Torino concorda con la proposta della Lega di eliminare i sussidi alle imprese decotte. ‘Secondo il rapporto Giavazzi su 30 miliardi di incentivi, alle imprese private ne arrivano solo tre. Sono il primo a dire toglietele in cambio di una sensibile riduzione del carico fiscale”, ha aggiunto. 

Squinzi ha ricordato il recente rapporto di Confindustria, secondo il quale “l’incidenza della pressione fiscale sulle imprese è del 57% mentre in Germania è venti punti a meno”. Il leader degli industriali critica in modo particolare l’Irap, “imposta maledetta che colpisce chi mette più cervello nel suo lavoro” facendo riferimento all’imposizione su ricerca e innovazione. Giorgio Squinzi ha detto di condividere la “maggioranza” delle dodici proposte contenute nel manifesto lanciato stamane da Roberto Maroni. Il presidente di Confindustria ha riferito di concordare in modo particolare sui punti in cui si chiede un alleggerimento della burocrazia, investimenti sulle infrastrutture e sul futuro dei giovani, sulla rinuncia degli incentivi alle imprese e sulla riduzione dei costi della politica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zingales: “Monti? Non parlatemi di bis. Rottamiamo i banchieri come Bazoli”

next
Articolo Successivo

Anche la beneficenza Agnelli sceglie l’estero: Telethon compra cinese

next