Sono 7448 le domande totali per la dichiarazione di emersione 2012 dal lavoro in nero inviate al Ministero dell’Interno fino alle 18 di ieri. Lo dicono i dati del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione che già alla fine della giornata di sabato avevano reso note le circa 4500 domande pervenute, per la sanatoria che ha preso il via domenica 15 settembre. Cifre che mettono in evidenza che la quasi totalità di richieste di regolarizzazione riguarda colf e badanti rispetto agli altri settori di lavoro subordinato. La maggior parte delle domande arrivano – riporta il documento del Ministero – da privati (5327), seguiti da associazioni (1885) e consulenti del lavoro (236).

Collaboratori familiari e assistenti per persone non autosufficienti risultano essere i profili più richiesti da mettere in regola. I lavoratori subordinati sono finora solo 690. Le tre province italiane in testa per invio dei moduli sono Roma (1161), Milano (1133) e Napoli (1047). Seguono Brescia, Torino, Latina, Verona, Bergamo, Salerno e Bologna. India e Bangladesh sono i Paesi di provenienza dei lavoratori per cui è giunta la maggior parte delle richieste – rispettivamente 1307 e 1107 – seguiti da egiziani, ucraini, cinesi, marocchini, pakistani, filippini, tunisini e cingalesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’obesità problema globale

next
Articolo Successivo

Questa idea diversa di viaggiare

next