“Piuttosto che andare nel Pd vado in seminario”. E’ lapidario Giovanni Favia che torna a parlare nuovamente in pubblico, questa volta alla storica emittente radiofonica di Popolare Network. Ed è proprio sul possibile “cambiamento di casacca” del consigliere regionale 5 Stelle che lo stesso protagonista dello “scambio” cerca una volta per tutte di fare chiarezza.

“Questa è comica, chi un minimo segue la mia attività sa che io col Pd ho qualcosa di più di qualche conto in sospeso, sono loro spina nel fianco – continua Favia – non c’è esponente 5 Stelle in Italia attaccato dal Pd con più livore che quello usato contro di me”.

Altro tema toccato nell’intervista è ancora l’annoso problema della democrazia interna nei Meet Up grillini: “Il problema non è tra me e Beppe Grillo. Il fatto che si sia parlato del tema portale e democrazia significa che questo dibattito sta arrivando come messaggio a Milano e a Genova”.

“Non c’è nemmeno niente di nuovo nel post di Grillo di qualche giorno fa”, spiega Favia tornando sul tema del portale, “da tre anni fa si discute del portale, che è stato presentato come finito alla Woodstock di Cesena. Però poi, al di là di usarlo come lavagna dove scrivere liberamente dei pensieri senza capacità di fare sintesi e di contare, a livello decisionale a tutt’oggi non v’è nulla”

Favia sembra comunque poco soddisfatto dalla risposta di Grillo: “Noi, e quando dico “noi” parlo per gli attivisti, i simpatizzanti, i cittadini, che vorrebbero vedere  realizzato il progetto di autogoverno della rete fuori dagli schemi partitici e da livelli verticistici di ogni tipo, che ancora stanno aspettando”.

Infine Favia prende nettamente distanza dagli attacchi personali del blogger genovese sullo status di “disoccupato” antecedente all’elezione in consiglio regionale: “Beppe ha avuto una piccola caduta di stile, perché sa benissimo che non ero disoccupato prima di entrare in politica. Ma anche se lo fossi stato non capisco la critica: non è un reato essere disoccupati, anzi oggi in Italia è una condizione, ahinoi, sempre maggiore.

“Anche un disoccupato ha il diritto di usare i propri diritti civili e politici candidandosi alle elezioni come ogni cittadino onesto e in buona fede – conclude – Noi tutti siamo in politica rinunciando a privilegi, benefit e guadagni d’oro. Per i consiglieri 5 Stelle non c’è una “poltrona” ma panca piena di chiodi e ci stiamo a sedere sopra per riscattare questo paese da 20 anni di scempio della cosa pubblica”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bologna, al Caab l’impianto fotovoltaico più grande dell’Emilia Romagna (gallery)

prev
Articolo Successivo

Parma, tegola sulla Procura (e Pizzarotti): il gip dice no al blocco dell’inceneritore

next