Ci sono giorni che non ti aspetti che succeda nulla e che, la mattina dopo, quando apri il giornale, il tuo e pure gli altri, hai proprio l’impressione che non sia davvero successo nulla. E, invece, c’è stata la svolta: è arrivata quando nessuno la prevedeva e senza che nessuno o quasi la percepisse. A parte, ovviamente, twitter e le agenzie, che sono i sensori dell’informazione.

E’ accaduto per Usa 2012: ieri, pareva solo la vigilia dell’11 Settembre, cioè dell’anniversario degli attacchi all’America del 2011, le Torri Gemelle, il Pentagono, il volo UA93 in Pennsylvania. E, invece, è stato il giorno che la corsa alla presidenza degli Stati Uniti ha preso una direzione inequivocabile e, forse, irreversibile: quando la gara pareva in equilibrio, con vantaggio al presidente sullo sfidante, ecco Obama prendere il largo nei sondaggi, nei finanziamenti, persino –per quel che conta- negli amici su facebook (un abisso, lì, il divario: 28,5 milioni di fans contro 6,6). E Romney, un po’ smarrito, cambia per l’ennesima volta rotta.

Eppure, la campagna pareva potersi prendersi una pausa, dopo le conventions, finite in parità 1 a 1 e sostanzialmente inutili: aveva segnato Clint Eastwood per i repubblicani, e pareggiato Bill Clinton per i democratici, due azioni personali spettacolari. Vicini al gol erano andati Paul Ryan, che cercava il rigore, ma aveva simulato in area e s’era fatto ammonire, e Michelle Obama. Invece, i due capitani, i campioni più attesi, Mitt Romney e Barack Obama, si erano tenuti lontani dalla porta: mai un tiro, attenti più a non perdere la palla che ad andare in gol. E, se nessuno si aspettava di più da Romney, il discorso di Obama, francamente, aveva deluso, tutto fatto con il freno a mano delle promesse e della visione tirato.

E anche le notizie che avevano accompagnato le ultime battute delle ‘feste di partito’ parevano non modificare gli equilibri, perché di segni contrastanti. I dati sulla disoccupazione di fine agosto (8,1% i senza lavoro, con la creazione di 96mila posti di lavoro nel mese) deludevano gli analisti e non erano, quindi, favorevoli all’Amministrazione democratica, mentre sale la pressione per misure di sostegno all’economia da parte della Fed. Però, i dati sulla raccolta di fondi per la campagna segnalavano che, proprio ad agosto, dopo essere stato sotto il rivale negli ultimi mesi, Obama sopravanzava Romney, nonostante l’eco di Tampa: 114 milioni di dollari il ricavato da 317mila donatori, con 250 dollari in media l’uno, contro 111 milioni per Romney, con meno donatori e una media più alta.

Poi, arrivano i sondaggi, quelli buoni, i più attendibili. E si vede che Obama allunga su Romney: conquista vantaggi che oscillano tra i 4 e i 6 punti su scala nazionale, ben al di là dei margini di errore statistico; e, soprattutto, rende ancora più netto il suo margine negli Stati incerti.

La mappa costantemente aggiornata del sito 270t0win assegna a Obama 201 Grandi Elettori sicuri –ma per alcuni sono già 225-, a Romney 191 (270 è il numero magico, quello che garantisce la vittoria nelle presidenziali). I Grandi Elettori in bilico, secondo 270towin, sono 146, in 11 Stati: da Nord a Sud e da Est a Ovest, New Hampshire, Pennsylvania, Michigan, Ohio, Iowa, Wisconsin, Virginia, North Carolina, Florida, Colorado e Nevada. Le battaglie cruciali, ancora una volta, appaiono quelle dell’Ohio e della Florida. E lì Obama pare allungare decisamente.

Nell’anniversario dell’11 Settembre, il presidente abbandona, per un momento, i sentieri dell’economia e cavalca il tema della sicurezza, che, contrariamente alle previsioni di inizio mandato, è diventato un cavallo di battaglia democratico, specie dopo il ritiro dall’Iraq e l’eliminazione di Osama bin Laden. Gli Stati Uniti, dice Obama, sono oggi più forti, sicuri e rispettati di allora, e pure di quattro anni or sono – quel che conta, per lui -; e conferma il piano di ritiro dall’Afghanistan entro il 2014. “Ci siamo rifiutati –afferma- di vivere nella paura”, ma anche in un clima di guerra continuo.

Mentre Romney invita a non badare ai sondaggi e fa retromarcia sulla riforma sanitaria –dopo avere detto che l’avrebbe abolita come primo atto della sua presidenza, adesso dice di volerla emendare-e cerca conforto nel dio degli evangelici; e la moglie Ann si lamenta che i suoi avversari “lo stanno demonizzando”. Accanto a un predicatore, in Virginia, il candidato repubblicano accusa il presidente democratico di volere togliere dio dalle banconote, dove campeggia la scritta ‘In God we trust’. La Casa Bianca replica: “Obama crede che la parola dio debba essere tolta dai dollari come crede che gli alieni attaccheranno la Florida”.

Passate le conventions, di cui molti si chiedono a che cosa ormai servano, perché l’attenzione mediatica evapora in un week-end, giochi dunque fatti e otto settimane inutili davanti? Calma: ci sono tour e comizi e, soprattutto, quattro dibattiti televisivi, incluso quello fra i candidati vice –e la gaffe è sempre in agguato-. E poi, di qui al 6 novembre, l’Election Day, sentiremo parlare un sacco della ‘sorpresa d’ottobre’. E’ un mito delle presidenziali statunitensi: c’è stata solo due volte, nel 1864, una vittoria nordista nella Guerra Civile, e nel 2008, lo scoppio della crisi, ma sembra sia sempre in agguato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’11 settembre visto da Strasburgo

next
Articolo Successivo

“Acqua, l’Onu agisca”. Appello alle Nazioni Unite dell’InterAction Council

next