Sventagliata di nuove nomine in arrivo alla Rai. Il direttore generale Luigi Gubitosi proporrà in consiglio d’amministrazione, mercoledì prossimo, una serie di candidati per la concessionaria di pubblicità Sipra, per Rai Fiction, per la società delle reti Rai Way.

Nel primo caso, come era emerso già nei giorni scorsi, tornerà a ricoprire un ruolo di particolare importanza l’ex dg della Rai, Lorenza Lei. Gubitosi la vorrebbe come amministratore delegato, mentre lui stesso ricoprirebbe il ruolo di presidente. Nel cda della concessionaria propone i tre direttori di rete. In base alle proposte del dg, nel cda di Sipra entrerebbero anche i direttori di Rai1 Mauro Mazza, di Rai2 Pasquale D’Alessandro e di Rai3 Antonio Di Bella. Il loro impegno della concessionaria della raccolta pubblicitaria non sarebbe incompatibile con l’attuale ruolo di responsabili delle reti. Intanto già stamani Aldo Reali, finora ad di Sipra, ha rassegnato le dimissioni “recependo – ha scritto in un comunicato – le istanze di discontinuità rappresentate dalla capogruppo (cioè la Rai, ndr). 

In cda Rai mercoledì arriva anche la proposta di nominare consiglieri di Rai Way, oltre a se stesso, Luca Balestrieri, Stefano Ciccotti, Luigi Rocchi e Roberto Sergio. Inoltre Gubitosi indicherà Sergio (attuale presidente Sipra) come presidente di Rai Way, Ciccotti come ad e Aldo Mancino come direttore generale.  

Altra proposta di Gubitosi è la nomina dell’attuale capostruttura Eleonora Andreatta alla guida di Rai Fiction. Sul tavolo del cda arriverà anche la proposta di accorpamento di Rainews 24 e Televideo

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Modica, piccoli maestri al Festival del Giornalismo

prev
Articolo Successivo

Non ridateci Emilio Fede, ma fatecelo rimpiangere

next