La telefonata di Berlusconi al sindaco di Roma riportata da Repubblica? Per Gianni Alemanno è “l’ennesima balla ridicola”. Berlusconi non avrebbe mai chiesto alcun passo indietro. “La telefonata di cui parla Repubblica – dichiara – è frutto di pura fantasia. È significativo che questo quotidiano pur di continuare la campagna contro di me giunga addirittura a inventare una telefonata con tanto di virgolettato”.

“Gianni, ma li hai visti i sondaggi? Se ti ripresenti, Roma è persa. Che ne dici di fare un passo indietro e lasciare che a candidarsi col Pdl sia qualcun altro?”, questa la telefonata di Berlusconi secondo il quotidiano di Ezio Mauro che stamattina titolava: “Brutti sondaggi: il Cavaliere gli consiglia di non presentarsi alle elezioni del prossimo anno”. Ma Alemanno oggi ha ribadito: “Sono candidato a sindaco di Roma e ricordo a tutti che ci saranno le primarie del 26 gennaio prossimo”. E da un comunicato diffuso dall’ufficio stampa di Palazzo Grazioli arriva la fiducia dell’ex premier: “Non c’è stata nessuna telefonata tra il presidente Berlusconi e il sindaco di Roma Alemanno come invece riporta stamani Repubblica. È un’altra invenzione giornalistica di una lunga serie. Il presidente Berlusconi conferma la sua fiducia nel sindaco Alemanno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Se Renzi insegue Grillo sul suo terreno

prev
Articolo Successivo

Grillo su Twitter, attacco a Renzi: “Hanno bussato, non era nessuno”

next