Unicredit chiude le pendenze con l’Agenzie delle Entrate in relazione alle operazioni di finanza strutturata relative agli esercizi 2007, 2008, 2009. La più nota delle quali è stata  l’operazione Brontos, nome con cui la controparte Barclays aveva battezzato la frode fiscale da 245 milioni di euro per la quale è stato indagato e recentemente rinviato a giudizio l’ex amministratore delegato, Alessandro Profumo, oggi presidente del Monte dei Paschi di Siena. La banca milanese, nonostante la convinzione della “della correttezza dell’operato proprio e dei propri esponenti e dipendenti anche cessati”, ha definito oggi una transazione col fisco pagando imposte e sanzioni per 264,4 milioni di euro. Lo ha comunicato la stessa Unicredit insieme ai conti del secondo trimestre che hanno evidenziato un crollo degli utili del 66,9% a 169 milioni di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’autogol della Bce

next
Articolo Successivo

Quelli che… la colpa è del debito pubblico

next