Unicredit chiude le pendenze con l’Agenzie delle Entrate in relazione alle operazioni di finanza strutturata relative agli esercizi 2007, 2008, 2009. La più nota delle quali è stata  l’operazione Brontos, nome con cui la controparte Barclays aveva battezzato la frode fiscale da 245 milioni di euro per la quale è stato indagato e recentemente rinviato a giudizio l’ex amministratore delegato, Alessandro Profumo, oggi presidente del Monte dei Paschi di Siena. La banca milanese, nonostante la convinzione della “della correttezza dell’operato proprio e dei propri esponenti e dipendenti anche cessati”, ha definito oggi una transazione col fisco pagando imposte e sanzioni per 264,4 milioni di euro. Lo ha comunicato la stessa Unicredit insieme ai conti del secondo trimestre che hanno evidenziato un crollo degli utili del 66,9% a 169 milioni di euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’autogol della Bce

next
Articolo Successivo

Quelli che… la colpa è del debito pubblico

next