Tifosi e appassionati sportivi, che a Londra stanno seguendo i Giochi Olimpici, sono stati pregati di evitare sms e tweet, se non essenziali, perché il rischio è che le reti, sovraccariche di dati, mandino in tilt la copertura televisiva. Secondo gli analisti e gli esperti della comunicazione le linee non sarebbero mai testate per cinque milioni di persone. 

Una sorta di “mini black-out” è già accaduto nella corsa di ciclismo su strada: i commentatori non sono riusciti a dire ai telespettatori quanto gli apripista fossero riusciti a distanziare il gruppo perché non arrivavano i dati dal sistema di navigazione satellitare Gps che viaggia con i ciclisti. Lo “scivolone” è stato particolarmente bruciante per i telespettatori britannici che si aspettavano una medaglia conquistata dall’eroe di casa, Mark Cavendish. E il problema si è aggravato perché a quel punto molti tifosi hanno sfogato la propria rabbia proprio…su Twitter.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Londra 2012, Pellegrini fuori dal podio nei 400 stile libero. Il nuoto per ora delude

next
Articolo Successivo

Londra 2012, spalti vuoti con le star. Biglietti a sponsor e mercato nero

next