Ho letto con grande attenzione il post del professor Bagnai; alla sua interessante analisi vorrei aggiungere qualche elemento ricollegandomi alla discussione sulla disuguaglianza che ho intrapreso negli ultimi giorni con i lettori del Fatto.

Troppo spesso nel dibattito pubblico non si considera come la crisi abbia colpito con maggiore forza quei paesi (quelli mediterranei e anglosassoni primariamente) che negli ultimi decenni hanno adottato politiche regressive di tassazione. Per politiche regressive di tassazione si deve intendere un sistema fiscale che avvantaggia chi ha un reddito o un patrimonio alto a discapito di chi ha un reddito medio-basso. A questo si aggiunge che nei paesi mediterranei l’incidenza dell’evasione ha contribuito in modo determinante a ridurre il gettito fiscale.

In Spagna per esempio, un lavoratore dal reddito medio-basso paga in media il 74% delle tasse versate dal suo omologo svedese, mentre i più ricchi (l’1% della popolazione) pagano solamente il 20% dei loro cugini scandinavi (come sottolineato da Navarro).

D’altro canto, contrariamente ai paesi mediterranei e anglosassoni, lì dove le entrate provenienti dalla tassazione sono più elevate (perché le tasse le pagano tutti, specie i più ricchi), la crisi si è avvertita con meno intensità. Questo perché l’investimento pubblico e la maggior redistribuzione hanno avuto un effetto stabilizzante sull’economia (la Svezia e la Germania sono un chiaro esempio), permettendo a questi paesi di essere più solidi di fronte alle fluttuazioni del mercato senza gravare sul debito pubblico. Infatti, in un’economia dove non c’è grande crescita, la redistribuzione favorisce il mantenimento di un livello sufficiente di consumi, che a loro volta sostengono il settore produttivo.

Seguire la strada dei paesi egualitari allora, dove la redistribuzione aiuta in periodo di crisi a sostenere la domanda della popolazione con redditi medio-bassi, sarebbe un modo per mettersi al riparo preventivamente dagli effetti più indesiderati delle crisi economiche. Per questo motivo, politiche redistributive e lotta all’evasione fiscale dovrebbero essere proposte nel nostro paese, non per ragioni ideologiche, ma per renderlo più solido rispetto agli shock esterni (come la crisi attuale).

In assenza di crescita non ci salverà l’austerità (per quanto necessaria) ma la redistribuzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volkswagen contro Marchionne: “Insopportabile, lasci la guida dell’Acea”

next
Articolo Successivo

La Barclays ritira capitali da Spagna e Portogallo per timori uscita da euro

next