Alcuni cittadini di Taranto sono giunti al ministero dell’Ambiente a Roma per seguire da vicino la riunione tra il ministro Corrado Clini ed il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola sull’Ilva di Taranto. “Taranto è una città che sta morendo. La grande industria sta facendo morire l’economia e sta uccidendo anche tutte le persone” dichiara Maria Gabriella Titoto, del comitato “Taranto Respira” accusa: “Ci sono livelli di neoplasie inaccettabili, l’aria è irrespirabile, il mare è inquinato. Tutto quello che dovrebbe essere l’indotto naturale della città sta venero distrutto dalla grande industria. Il ricatto occupazionale non ha senso. Noi non siamo contro i lavoratori che sono le prime vittime; la legge dice che chi inquina deve pagare e non i cittadini attraverso le tasse”. Angelo Bonelli, presidente dei Verdi italiani critica il patto per Taranto firmato tra il governo e la regione Puglia: “Le risorse messe in campo sono irrisorie”. Alle critiche risponde il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola: “Noi ci siamo sempre opposti sia ad un industrialismo cieco sia ad un ambientalismo fondamentalista ed isterico di chi pensa che tra i beni da tutelare non ci debba essere il bene lavoro, in una storia come quella di Taranto”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ilva, Clini: ‘Riesame con urgenza’. Vendola: ‘Se ci sarà processo, Regione parte civile’

prev
Articolo Successivo

Ilva sequestrata: “Disastro ambientale”. Taranto paralizzata da 8mila operai

next