A Casola ogni anno in questa stagione succedono delle cose. Mentre sulla riviera impazzano le notti rosa, quelle d’oro e quant’altro, a Casola si aprono i cortili delle case. Per fare che? Per condividere lo spazio delle favole.

È nelle case degli abitanti, infatti, che si svolgerà la Notte delle favole uno degli appuntamenti della Festa dei racconti dimenticati (dal 27 al 29 luglio).

Casola è famosa per le erbe dimenticate, ma quest’anno le erbe diventano protagoniste di uno spettacolo itinerante che porta lo spettatore dentro i racconti e dentro i cortili: in quei luoghi della vita quotidiana che permettono l’incontro fra il turista in cerca di frescura e chi a Casola ci vive. La favola allora assume un nuovo significato, diventa un’occasione per condividere uno spazio privato che diventa pubblico. Un’opportunità resa possibile grazie alle favole e grazie agli artisti che apriranno le porte di questi spazi.

Io ci vado, magari ci s’incontra in un trebbo a *scambiarsi favole* come una volta si faceva con le figurine…

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremerse, chiesto il rinvio a giudizio per Errani. “Io non ho mai favorito nessuno”

next
Articolo Successivo

Olimpiadi di Parma 2012: gufare per sport

next