A Casola ogni anno in questa stagione succedono delle cose. Mentre sulla riviera impazzano le notti rosa, quelle d’oro e quant’altro, a Casola si aprono i cortili delle case. Per fare che? Per condividere lo spazio delle favole.

È nelle case degli abitanti, infatti, che si svolgerà la Notte delle favole uno degli appuntamenti della Festa dei racconti dimenticati (dal 27 al 29 luglio).

Casola è famosa per le erbe dimenticate, ma quest’anno le erbe diventano protagoniste di uno spettacolo itinerante che porta lo spettatore dentro i racconti e dentro i cortili: in quei luoghi della vita quotidiana che permettono l’incontro fra il turista in cerca di frescura e chi a Casola ci vive. La favola allora assume un nuovo significato, diventa un’occasione per condividere uno spazio privato che diventa pubblico. Un’opportunità resa possibile grazie alle favole e grazie agli artisti che apriranno le porte di questi spazi.

Io ci vado, magari ci s’incontra in un trebbo a *scambiarsi favole* come una volta si faceva con le figurine…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremerse, chiesto il rinvio a giudizio per Errani. “Io non ho mai favorito nessuno”

prev
Articolo Successivo

Olimpiadi di Parma 2012: gufare per sport

next