“Alcuni comuni, anche capoluoghi, iniziano ad avere difficoltà di cassa e ad agosto potrebbero non riuscire a pagare gli stipendi ai propri dipendenti”. L’affermazione è di Alessandro Cattaneo (Pdl), sindaco di Pavia e vicepresidente dell’Anci che ha fatto un riferimento a Lecce. I Comuni, come del resto le Province e le Regioni, bocciano i tagli della spesa alla conferenza unificata che si è svolta al ministero degli Affari regionali. “Oggi si è certificato il ritiro completo dello Stato dalle politiche di welfare. E’ un giorno triste, il funerale dello Stato sociale –  afferma il presidente Anci, Graziano Delrio – Abbiamo avuto conferma della demolizione del Fondo per le Politiche sociali, che era di 1 miliardo ed è stato ridotto a 11 milioni. E’ il funerale dello stato sociale sul quale restano solo i Comuni e quelle Regioni, non tutte, disponibili ad aiutare i Comuni”. 

Il vicepresidente Cattaneo ha spiegato che l’associazione sta raccogliendo “la preoccupazione di tanti sindaci che hanno problemi dovuti all’Imu: qualche comune inizia ad avere difficoltà di cassa e ad agosto non potrà pagare gli stipendi. Confidiamo che la prossima settimana si risolva il problema in Conferenza Stato-Città perché se il fondo di riequilibrio viene rimodulato tenendo conto della simmetria allora possiamo tamponare la situazione ma dando una risposta alla situazione contingente”. Il problema, ha riferito il sindaco di Pavia, è che alcuni comuni hanno incassato con la prima rata dell’Imu un gettito diverso da quello previsto dal ministero dell’Economia, criticità a cui si aggiunge il fatto che i tagli ai comuni sono calcolati proprio sulla base delle previsioni. “Lecce, ad esempio, ha incassato un terzo del gettito Imu previsto”, ha riferito Cattaneo. La preoccupazione dei sindaci è che “il punto critico arrivi a fine anno con il pagamento della seconda rata dell’Imu e la chiusura dei saldi obiettivo del patto di stabilità. Molti comuni sono ancora lontani dalla possibilità di programmare attività per rispettare i vincoli di bilancio”. Per quanto riguarda il comune di Pavia il sindaco Cattaneo comunque spiega che piuttosto che recuperare risorse aumentando l’Imu “non rispetterò il patto di stabilità”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Formigoni indagato: “Tutto qua? Non ho nulla da temere: la corruzione non c’è”

prev
Articolo Successivo

Decreto sviluppo, l’ok della Camera. Governo battuto su una mozione Pdl

next