La Federmeccanica ha convocato i sindacati per iniziare le trattative al nuovo contratto nazionale, unica esclusa la Fiom. Il segretario provinciale di Torino, Federico Bellono, alla testa di una rappresentanza del suo sindacato ha incontrato i responsabili dell’Unione Industriale torinese. Prima di entrare, riguardo la non convocazione della Fiom ha dichiarato: “Crediamo non sia legittimo perché c’è un accordo firmato da Confindustria, Cgil e gli altri sindacati dove si dice che per partecipare alle trattative sui contratti la soglia è del 5% di rappresentanza dei lavoratori. Ed è del tutto evidente che i metalmeccanici della Fiom sono più del 5% della categoria”. Intanto la crisi avanza, nel solo torinese ci sono più di 20mila dipendenti dell’indotto Fiat, molti dei quali, dopo lo stop delle carrozzerie di Mirafiori, che vedono a rischio il proprio posto di lavoro di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rapporto Cisl, in cinque anni perso un posto su dieci nell’industria

next
Articolo Successivo

Irisbus, D’Alema: “Se mandiamo affan… Marchionne poi quello chiude”

next