Nel primo trimestre del 2012 il rapporto fra il debito pubblico ed il Pil nell’Eurozona è salito all’88,2%, contro l’87,3% del trimestre precedente, mentre nell’Ue a 27 è passato dall’82,5 all’83,4%. Lo comunica Eurostat, ricordando che nel primo trimestre del 2011 il rapporto debito pubblico/Pil era dell’86,2%, mentre nell’Ue a 27 dell’80,4%. Secondo l’ufficio statistico dell’Ue, il più alto rapporto tra debito pubblico e pil nei primi tre mesi dell’anno è stato registrato in Grecia (132,4%), Italia (123,3%), Portogallo (111,7%) e Irlanda (108,5%), mentre quello più basso in Estonia (6,6%), Bulgaria (16,7%) e Lussemburgo (20,9%). Nel primo trimestre del 2012, il rapporto tra il debito pubblico ed il Pil dell’Italia ha toccato quota 123,3%, con un aumento del 3,2% rispetto al trimestre precedente e del 3,8% rispetto al primo trimestre del 2011. Il rapporto debito pubblico/pil dell’Italia è secondo solo a quello della Grecia, che nei primi tre mesi dell’anno ha toccato quota 132,4%.  

In crescita il debito pubblico della Spagna nel primo trimestre del 2012. Secondo Eurostat, è salito al 72,1% del Pil, in aumento rispetto al 68,5% registrato nel trimestre precedente ed al 64,7% del primo trimestre del 2011. Il rapporto debito pubblico/pil spagnolo è destinato ad aumentare ulteriormente nei prossimi mesi, a seguito del prestito Ue fino a 100 miliardi di euro per la ricapitalizzazione delle banche, che andrà ad incidere sui conti pubblici, almeno fino a quando non sarà permesso all’Esm, il Meccanismo europeo di stabilità, di versare direttamente i fondi agli istituti in difficoltà. Il rapporto debito pubblico/pil della Grecia nel primo trimestre del 2012 è stato del 132,4%, in calo del 33% rispetto al trimestre precedente e del 20% rispetto allo stesso trimestre del 2011. Eurostat precisa che il calo del debito pubblico è principalmente conseguenza del taglio del valore dei bond greci nell’ambito del secondo programma di aiuti approvato nei mesi scorsi. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, la lunga estate degli investitori: “Formule? No, conta solo la politica”

next
Articolo Successivo

Elogio del burocrate

next