“Io organizzo i progressisti quindi io parlo con Vendola”. È secco il segretario Pierluigi Bersani e non lascia spazio a commenti quando, arrivato alla Festa dell’Unità di Imola le domande rimandano alla minaccia del consigliere regionale Pippo Civati di uscire dal partito in caso di alleanza con Casini. E se Civati dice, “se andassimo a votare oggi il Pd perderebbe le elezioni”, Bersani risponde: “A Monza le abbiamo stravinte, non so se se n’è accorto Civati?”.

“Lasciamo stare queste polemiche, pensiamo ad organizzare i progressisti” – continua il segretario Pd – “Io chiedo solo che i progressisti si rendano conto che in una situazione europea ed italiana in cui c’è rischio di populismo e di regressione, bisogna rivolgersi a tutte le forze moderate, democratiche ed europeiste per un patto di legislatura. Io sono progressista, io spero che sia chiaro, non posso passar la vita a rispondere sempre alla stessa domanda”.

Sono passati dieci giorni dall’Assemblea del Partito Democratico e i postumi del non voto sull’Ordine del giorno riguardante i matrimoni gay continuano a farsi sentire. Un’amarezza che in alcune correnti del partito non è mancata, ma che il Segretario nega con fermezza: “Sono io ad aver parlato di unioni gay. E dovrei preoccuparmi che sia una mossa verso i moderati? Ai nostri elettori ci pensiamo noi”. Le domande girano tutte intorno alle polemiche, alle paure che il Pd stia affrontando una crisi interna o che ancora una volta mostri le sue debolezze.

“Discutiamo certo, – continua il segretario del Pd, – ma nei punti essenziali siamo compattissimi. Noi siamo un partito. Solo in Italia si è pensato che mettersi nelle mani di un uomo solo ci portasse da qualche parte. Bisogna stare attenti e assomigliare di più alle democrazie del mondo, perché questa eccezionalità italiana dove c’è uno che decide, uno che è là in fondo che comanda ma non si candida, l’altro che si inventa la lista con un nome di fantasia, sono cose sconosciute alla democrazie del mondo. Noi siamo un partito e partiamo dall’idea di partecipazione”.

Un’immagine di partecipazione e normale discussione quella che Pierluigi Bersani ha dato, a Imola nella serata di chiusura della Festa dell’Unità, dove non è mancato il tradizionale giro tra stand e ristoranti. Prima tappa al bar You Future dei Giovani Democratici dell’Emilia Romagna, che per la prima volta hanno organizzato la loro festa regionale proprio ad Imola. Strette di mano e sorrisi, quasi fosse una prova di campagna elettorale per quelle primarie che ancora non hanno una data certa. “Io sto girando- dice Bersani, – come ho sempre girato tutte le feste dell’unita, non c’entra niente con primarie o con campagne elettorali. È la nostra tradizione. Le primarie ci saranno sì. E prima o poi si andrà anche a votare. La nostra priorità è fare una nuova legge elettorale. La legge elettorale è al primo posto. Le elezioni anticipate sono chiacchiere. Noi non possiamo certo andare a votare con la legge che abbiamo, uno dei disastri del nostro paese. Noi siamo pronti ad accellerare”.

Bersani parla a Imola a pochi passi da quella terra emiliana colpita dal terremoto, per la quale lancia una promessa di tempestività e ricostruzione che in tanti stavano aspettando. “Il nostro patto con gli amministratori emiliani – conclude il Segretario, – è che non si farà quello che si è fatto a l’Aquila. Si collegherà l’emergenza con la ricostruzione. Io ce la metto tutta, però non da solo. E io ho molta fiducia nel fatto che nella crisi e nelle difficoltà che ci saranno, noi troveremo grande forza nel rinnovamento. Toccherà a me, la ruota girerà. I nuovi non ce li porterà la tv. I nuovi verranno fuori per capacità, esperienza e rispetto per tutti quelli che ci hanno portati fin qui. Abbiamo bisogno di forze fresche e giovani ma anche esperte”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Simple Minds, il concerto in Piazza Grande dopo le polemiche

next
Articolo Successivo

Minetti regina da rotocalco di una pazza estate. A spese nostre

next