Domenico Arena, uno dei capi legato alla cosca Pesce di Rosarno, è stato arrestato dai carabinieri nel quartiere Lido di Catanzaro. Il 58enne era latitante da un anno ed era stato condannato il 20 settembre scorso, per rito abbreviato, a 10 anni di reclusione per associazione mafiosa: le Forze dell’Ordine lo hanno trovato in un lussuoso appartamento della località marittima, in un appartamento attiguo allo studio del suo legale.  Dopo essere fuggito, aveva una lettera agli inquirenti sostenendo di averlo fatto perché riteneva la condanna ingiusta e che si sarebbe costituito solo se i giudici d’appello avessero ristabilito la verità.Il risultato raggiunto all’interno delle indagini coordinate dal procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Michele Prestipino e dal pm Alessandra Cerreti, si somma all’arresto, eseguito un anno fa, del capoclan Francesco Pesce, trovato in un bunker all’interno di un’azienda di Rosarno. Arena, cognato di Vincenzo Pesce, detto “u pacciu”, era uno degli ultimi cinque latitanti della cosca. Attualmente è in corso, davanti ai giudici del Tribunale di Palmi, il processo con rito ordinario ad altri imputati.

Nel processo All Inside il boss del clan Pesce (Vincenzo) è stato condannato a vent’anni di carcere, così come il nipote Francesco. Una sentenza resa ancora più pesante, sul piano economico, dai risarcimenti decisi dal Gup in favore delle parti civili: milioni di euro al ministero dell’Interno, alla regione Calabria e al comune di Rosarno. Fondamentale la testimonianza di Giuseppina Pesce, figlia, sorella e nipote di boss di una delle cosche più potenti della Calabria e collaboratrice di giustizia dal 2010. Domenico Arena, secondo quanto emerso dall’inchiesta, si occupava per conto della cosca Pesce, del settore dell’autotrasporto. Dalle indagini è emerso anche che per affidargli questo incarico, il cognato Vincenzo Pesce, fratello di quello che viene indicato come il boss della cosca, Antonino detto “testuni”, ebbe un violento litigio col nipote, Francesco. Fu lo stesso Antonino, dal carcere, ad invitare alla calma il figlio e ad avallare la scelta del fratello Vincenzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Carnago, la Corte dei conti chiede chiarimenti su 300 euro di panettoni

prev
Articolo Successivo

Ostia, l’Atac vuole il muro anti-rumore, i cittadini no: “Così non respiriamo”

next