Cos’è la fisica quantistica? E perché è importante? Perché per giorni si è parlato del bosone di Higgs? A rispondere a qualcuna delle domande sul un settore della Scienza che fa notizia (ma non solo) potrebbe essere un filmato. Il Centre for Quantum Technologies di Singapore, in collaborazione con la rivista scientifica New Scientist, ha lanciato un nuovo concorso pubblico per la realizzazione di cortometraggi sulla fisica quantistica e su come essa ha cambiato il modo di vedere il mondo. Il concorso, a cui si può partecipare tramite il sito shorts.quantumlah.org, consiste nella creazione di un video di massimo 3 minuti che mostri come l’universo quantico influenzi la vita quotidiana e ispiri la creatività. 

“Vogliamo vedere come giovani videoamatori riescono a raccontare cosa vuol dire per loro vivere in un mondo quantistico“, ha spiegato uno dei componenti della giuria, la fisica teorica Lisa Randall. I 10 filmati vincitori riceveranno un premio in denaro e la possibilità trasmettere il proprio video tramite il NewScientist e il canale Discovery Channel. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sla, scoperto nuovo gene che causa la sclerosi laterale amiotrofica

prev
Articolo Successivo

Quando Sole diventerà gigante rossa (fra miliardi di anni) la Terra sarà inghiottita

next