I vertici dei principali gruppi bancari sono tutti sotto inchiesta. Ecco chi e perché.

CORRADO PASSERA

 

 

 

 

 

Nel giugno 2012 Corrado Passera, ministro per lo Sviluppo economico del governo Monti, viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Biella. I reati imputatigli sono di natura finanziaria e risalgono al 2006, quando Passera era amministratore delegato di Intesa.

ALESSANDRO PROFUMO

 

 

 

Presidente del Monte dei Paschi di Siena ed ex amministratore delegato di UniCredit è stato rinviato a giudizio, con altre 19 persone, con l’accusa di frode fiscale per una presunta frode fiscale da 245 milioni di attraverso un’operazione di finanza strutturata chiamata Brontos.

MASSIMO PONZELLINI

 

 

 

 

 

L’ex presidente della Banca Popolare di Milano è ai domiciliari per associazione a delinquere e corruzione per i finanziamenti elargiti ad Atlantis, gruppo di Corallo. È indagato anche per finanziamento illecito a Filippo Penati.

BANCO DESIO

 

 

 

 

Carenze nei sistemi informatici e organizzativi per l’anti-riciclaggio. È il rapporto dell’ispezione condotta con cui la Banca D’Italia conferma le accuse di un ex impiegato parmigiano avanzate nel 2008 e sulle quali si sono mosse le procure di Monza e Roma. E che ora confermate da Bankitalia.

BANCA NETWORK

 

 

 

 

 

Commissariata da Banca d’Italia dal novembre 2011 oggi al centro di un’indagine della Procura di Milano che sta valutando l’ipotesi di reato per bancarotta. L’istituto è nato nel 2003 da Bipielle Net, ramo della Banca Popolare di Lodi dell’allora amministratore delegato Gianpiero Fiorani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inchiesta Intesa, l’economista Penati: “Grandi banche? Bombe a orologeria”

prev
Articolo Successivo

Imu, incassati oltre 9 miliardi e mezzo. “Aliquote invariate a dicembre”

next