Il reddito delle famiglie? Sale e scende allo stesso tempo stando ai dati forniti dall’Istat. Nel primo trimestre dell’anno infatti il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è diminuito dello 0,5 per cento sul trimestre precedente, ma è aumentato quasi di un punto (lo 0,9%) su base annua.

 Tenuto conto dell’inflazione però, il potere di acquisto delle famiglie consumatrici è diminuito sullo stesso periodo dell’1 per cento rispetto e del 2 per cento rispetto al primo trimestre del 2011. 

Positiva invece la propensione al risparmio, al 9,2 per cento nei primi tre mesi del 2012, con una crescita di 0,4 punti percentuali in termini tendenziali.   

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lagarde (Fmi): “Crisi globale, colpiti anche i Brics”. Giù le Borse europee

next
Articolo Successivo

Borse giù, spread a 468. Pesano le tensioni Ue e il rallentamento della Cina

next