Il reddito delle famiglie? Sale e scende allo stesso tempo stando ai dati forniti dall’Istat. Nel primo trimestre dell’anno infatti il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è diminuito dello 0,5 per cento sul trimestre precedente, ma è aumentato quasi di un punto (lo 0,9%) su base annua.

 Tenuto conto dell’inflazione però, il potere di acquisto delle famiglie consumatrici è diminuito sullo stesso periodo dell’1 per cento rispetto e del 2 per cento rispetto al primo trimestre del 2011. 

Positiva invece la propensione al risparmio, al 9,2 per cento nei primi tre mesi del 2012, con una crescita di 0,4 punti percentuali in termini tendenziali.   

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lagarde (Fmi): “Crisi globale, colpiti anche i Brics”. Giù le Borse europee

prev
Articolo Successivo

Borse giù, spread a 468. Pesano le tensioni Ue e il rallentamento della Cina

next