Lo hanno scoperto mentre sul sagrato di una chiesetta di provincia intascava l’ennesima tangente. Un responsabile dell’ufficio urbanistico del comune di Serramazzoni, sull’appennino modenese, è stato arrestato in flagranza per concussione dal nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Modena dopo aver intascato una bustarella. L’uomo si è fatto consegnare 500 euro in banconote da cento, una tranche – secondo gli inquirenti – di una più ampia mazzetta da circa 20 mila euro. Probabilmente, spiegano le Fiamme Gialle, il prezzo per una ‘corsia preferenziale’ presso il suo ufficio oppure il costo per l’approvazione di un progetto.

Poco più di un mese fa nei confronti dello stesso funzionario erano state disposte perquisizioni, sia a casa che negli uffici, nell’ambito di indagini avviate già da tempo sull’amministrazione comunale del paese appenninico. Nonostante ciò l’uomo “ha continuato a perpetrare la sua condotta delittuosa”. Le indagini sono in corso, ma, secondo quanto affermato dalle Fiamme gialle, “sembrerebbe non trattarsi di un caso isolato”. Singolare anche il luogo concordato per l’incontro: il parcheggio della chiesa di Marano sul Panaro, in località Ospitaletto. I finanzieri, dopo un breve inseguimento, hanno bloccato l’uomo e lo hanno arrestato.

Il 10 maggio scorso le Fiamme Gialle avevano perquisito l’abitazione di Sabina Fornari, eletta appena tre giorni prima sindaco di Serramazzoni e dopo aver fatto per cinque anni l’assessore comunale all’Urbanistica, e le avevano notificato un avviso di garanzia. L’indagine della procura di Modena ipotizza illeciti nell’ambito edilizio relativi a lavori assegnati dall’Amministrazione comunale.

Lo stesso giorno, come già anticipato da ilfattoquotidiano.it avvisi di garanzia erano stati consegnati al sindaco precedente Luigi Ralenti e del capo dell’ufficio tecnico Enrico Tagliazucchi. L’inchiesta, coordinata dai pm modenese Claudia Natalini e Giuseppe Tibis, stando a fonti investigative, costituisce un nuovo filone scaturito dall’indagine che dallo scorso anno coinvolge sempre Ralenti, un ingegnere del settore Lavori pubblici del Comune e il presidente di una società sportiva. Le ipotesi accusatorie degli inquirenti per questa prima tranche di indagine sono di corruzione e turbativa d’asta nell’assegnazione dei lavori per il rifacimento dello stadio di Serramazzoni.

Le attività investigative che riguardano il Serramazzoni proseguono e gli investigatori auspicano, anzi, “che l’arresto offra la possibilità ad altre persone di denunciare ulteriori richieste illecite”. 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

Montezemolo può attendere. La Regione rinnova il contratto a Trenitalia per 3 anni

next
Articolo Successivo

Aldrovandi: poliziotto condannato chiede scusa per le offese su Facebook

next