Tetti sfondati, vetri rotti, tergicristalli staccati, porte scardinate. Ammontano a più di 30mila euro i danni ai mezzi Tper (ex Atc) di Bologna provocati dall’eccessiva esultanza dei tifosi dopo la vittoria nel match Italia-Germania, finita 2 a 1 per gli azzurri.

Cinque gli autobus coinvolti in pieno centro città, proprio all’incrocio tra via Rizzoli, Indipendenza e Ugo Bassi. Uno scenario da guerriglia urbana più che da esultanza da tifosi di calcio, quello che ieri notte si è verificato a Bologna.

Comunque vada a finire la finale degli Europei di domenica tra Italia e Spagna, il Comune di Bologna ha deciso di allungare la pedonalizzazione dei T-Days oltre l’orario usuale, protraendo la chiusura della “T” fino all’una. Sperando che a quell’ora la bolgia senza freni che ieri sera è assomigliata più a un girone infernale che a una gioia derivante da una competizione sportiva, si sarà già conclusa. 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I sindaci dei paesi terremotati: “Il Pd non si lamenti se la gente vota Grillo”

next
Articolo Successivo

Si considerava un intoccabile

next