Tetti sfondati, vetri rotti, tergicristalli staccati, porte scardinate. Ammontano a più di 30mila euro i danni ai mezzi Tper (ex Atc) di Bologna provocati dall’eccessiva esultanza dei tifosi dopo la vittoria nel match Italia-Germania, finita 2 a 1 per gli azzurri.

Cinque gli autobus coinvolti in pieno centro città, proprio all’incrocio tra via Rizzoli, Indipendenza e Ugo Bassi. Uno scenario da guerriglia urbana più che da esultanza da tifosi di calcio, quello che ieri notte si è verificato a Bologna.

Comunque vada a finire la finale degli Europei di domenica tra Italia e Spagna, il Comune di Bologna ha deciso di allungare la pedonalizzazione dei T-Days oltre l’orario usuale, protraendo la chiusura della “T” fino all’una. Sperando che a quell’ora la bolgia senza freni che ieri sera è assomigliata più a un girone infernale che a una gioia derivante da una competizione sportiva, si sarà già conclusa. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I sindaci dei paesi terremotati: “Il Pd non si lamenti se la gente vota Grillo”

prev
Articolo Successivo

Si considerava un intoccabile

next