Per motivi di sicurezza legati al terremoto che ha colpito l’Emilia, il megaconcerto dei Radiohead non avverrà più in Piazza Maggiore a Bologna, ma nella prima periferia della città, al Parco Nord. Dopo una settimana di contrattazione tra Comune di Bologna, organizzatori e management della band, dall’Inghilterra è giunta la parola finale: il gruppo di Thom York ha ritenuto opportuno spostare il concerto previsto il 3 luglio dalla centralisssima e storica piazza  bolognese all’Arena Parco Nord.

Grazie  a  questo  inatteso spostamento saranno sì disponibili ulteriori biglietti che saranno messi in vendita in tutti le prevendite autorizzate a partire dalle ore  15  di oggi, martedì 12 giugno, ma sfuma anche il sogno diventato per alcuni mesi realtà, dell’assessore alla cultura Ronchi che aveva fortemente voluto il grande evento nella piazza grande della città, rievocando i fasti del celebre concerto dei Clash del 3 giugno 1980. 

I biglietti precedentemente acquistati rimangono comunque validi. L’apertura dei cancelli sarà alle ore 17 e l’inizio concerto è per le ore 21.30. I biglietti precedentemente acquistati (50 euro + prevendita) rimangono comunque validi. Per info: www.ticketone – www.vivaticket.it 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scrittori, blogger e freelance a Marina Romea

prev
Articolo Successivo

Cervia, militare muore durante un’esercitazione con l’elicottero

next