Un paziente, sfollato dall’area di Cavezzo (Modena) dopo il terremoto del 29 maggio, ha tentato il suicidio stamani gettandosi dalla finestra al secondo piano della stanza in cui era ospitato dalla Casa di riposo accreditata Villa Ranuzzi di Bologna, insieme ad altre 70 persone accolte come atto di solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma. Lo rende noto il presidente della struttura sanitaria, Lorenzo Orta, precisando che a quanto risulta l’uomo si sarebbe procurato fratture, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Orta ha detto anche che il paziente, secondo quanto risulta alla cooperativa Elleuno di Asti, che al seguito di questi ricoverati è presente a Villa Ranuzzi, è in cura per problemi psichici. Il presidente della casa di riposo ha anche posto il problema della gestione unitaria di persone sfollate con problematiche complesse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcioscommesse, tabaccheria con troppe vincite? “Hanno sbagliato i conti”

next
Articolo Successivo

Terremoto, iniziati i lavori sulla provinciale ferrarese con l’asfalto liquefatto

next