Salvatore Casella, 55 anni, esponente di spicco del clan Sarno, latitante e pluripregiudicato, è stato arrestato dai carabinieri di Parma. Casella si trovava nell’ospedale della città emiliana a causa di un malore che lo ha costretto al ricovero nel reparto di terapia intensiva. I carabinieri piantonano il reparto per evitare tentativi di fuga. Il latitante è accusato di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso in omicidio premeditato e porto di arma da fuoco.

I militari parmigiani hanno agito su mandato della direzione antimafia di Napoli che ritiene Casella implicato in quattro omicidi di camorra in veste di organizzatore. Casella avrebbe armato e dato direttive al gruppo di fuoco autore delle uccisioni di Mario Scala, Anna Sodano, Gennaro Busiello e Giuseppe Schisa, tutti collaboratori di giustizia ‘eliminatì dal clan Sarno in agguati iniziati nel ’94 e conclusi nel 2002. Il clan Sarno, oggi sgominato dalle forze dell’ordine, aveva deciso l’eliminazione violenta degli affiliati che avevano deciso di collaborare con la magistratura.

Casella è arrivato a Parma mesi fa. Abitava in un appartamento nei pressi dell’ospedale Maggiore con la moglie. L’Arma ha arrestato, nel corso di un’operazione condotta sul territorio nazionale altri 14 affiliati del clan campano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Parma a 5 Stelle congela il caso Tavolazzi: “Niente direttore generale”

prev
Articolo Successivo

Parmigiano, aceto e pere: l’ecatombe alimentare del terremoto (video)

next