Un aereo passeggeri partito da Abuja è caduto su un’edificio a Lagos, capitale economica della Nigeria, pochi minuti dopo il decollo. A bordo, secondo la Bbc vi erano 162 passeggeri. “Non credo vi siano superstiti”, ha riferito il capo dell’aeronautica civile Harold Demuren. Il volo era della compagnia nigeriana Dana Air, che usa bimotori McDonnel Douglas Md-83. Il jet si sarebbe incendiato subito dopo aver colpito un edificio nel quartiere Iju, vicino all’aeroporto, una delle aree più popolose della città. 

Tra le prime cause prese in considerazione all’origine del disastro l’errore umano dei piloti che in fase di atterraggio. Da una primissima verifica su fonti locali, nell’incidente sono sarebbero stati coinvolti italiani ma non si ha ancora una conferma ufficiale da parte della Farnesina, che di concerto con l’Unità di crisi e l’ambasciata ad Abuja ha attivato le procedure per accertarne l’eventuale presenza a bordo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il 2 giugno deve essere una festa, non una parata

prev
Articolo Successivo

Il pericolo per i soldati non è l’uranio: “Rischi da cadmio, nichel e vaccini”

next