Moltissimi cittadini italiani stanno chiedendo una cosa elementare: che non si faccia la parata del 2 giugno e si devolvano le somme risparmiate per i terremotati.

Dal blog del Popolo Viola è partito un appello che ha raccolto in 24 ore quasi 60.000 firme. In rete c’è un tam-tam che, partendo dall’hashtag #no2giugno si è esteso fino alle pagine e ai profili di decine di migliaia di utenti.

Di Pietro, Vendola, Diliberto, i finiani de Il Futurista, Bonelli e addirittura Alemanno si dicono contrari alla sfilata.

E Napolitano come reagisce a questa posizione di buon senso, alla quale arriverebbe anche un bambino?

Con un laconico: “Celebreremo sobriamente il 2 giugno ma lo dedicheremo alla memoria delle vittime, al dolore delle famiglie e anche a momenti di scoramento che devono essere superati.”

Ancora una volta lui dimostra di non essere il rappresentante di “tutti gli italiani”, ma di protocolli stantii e fuori luogo, anacronistici e che servono solamente a perpetrare i privilegi delle caste, anche quella militare.

Forse potremmo sperare in un ravvedimento dell’ultima ora, ma mi illudo. In realtà il Presidente rappresenta in pieno la modalità della politica in cui noi cittadini italiani non ci riconosciamo. Anzi, in questo momento lui è l’immagine dell’antipolitica, altro che Grillo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Formigoni: “Non me ne vado. Neanche se arriva un avviso di garanzia”

prev
Articolo Successivo

Finanziamento ai partiti, lo abbiamo davvero ‘dimezzato’ ?

next