Chiude in positivo la borsa valori dopo una giornata con gli indici altalenanti. Il Ftse mib ha chiuso segnando un +0,36% a 13.154 punti, mentre l’All share si e’ assestato a quota +0,34% a 14.117 punti. Leggeri guadagni per quasi tutte le banche: Intesa (+0,7%), Unicredit (+0,6%), Ubi (+0,7%), Mediolanum (+0,7%). Male Monte dei Paschi (-1,9%) e Mediobanca (-0,3%).

Borse in affanno, spread instabile e nuovi dati macroeconomici negativi. La giornata per Piazza Affari e per i principali mercati europei si era aperta in rialzo, ma già a metà giornata l’indice Ftse Mib aveva virato in negativo (poco prima delle 14 perdeva lo 0,1%). Colpa della situazione economica e politica della Grecia che continua a far paura. Gli effetti si sono sentiti anche sul differenziale tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi che è risalito ai livelli di ieri a 428 punti, dopo essere calato sotto la soglia dei 400 punti a 397, ai minmi da metà maggio. Poi verso chiusura nel vecchio continente i listini tornano tutti positivi con l’eccezzione di Atene.

Il rendimento è al 5,72%. Cattive notizie per il Paese arrivano dalla Francia. Il Pil dell’Italia cala dello 0,8% nel primo trimestre del 2012, la terza contrazione trimestrale consecutiva. Lo rivela l’Ocse. L’organizzazione parigina aggiunge che nell’area Ocse, secondo le stime provvisorie, il prodotto interno lordo è cresciuto dello 0,4%, dallo 0,3% del trimestre precedente. Nel Vecchio continente si continua intanto a discutere sulla via migliore da intraprendere per uscire dalla crisi. Il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, è intervnuto sulla questione degli eurobond: “E’ un’illusione – ha sentenziato – pensare che possano risolvere l’attuale situazione”. Weidmann si e’ detto anche irritato da questo dibattito perche’ “non puoi pensare di dare a qualcuno la tua carta di credito senza avere voce in capitolo sul controllo della spesa”. Critiche anche sui prestiti della Bce alle banche: “Sono come la morfina, addolciscono la pena ma non curano la malattia”. Altri dati sullo stato dell’economia italiana li ha diffusi l’Istat. Le vendite al dettaglio a marzo sono scese dello 0,2% congiunturale e sono salite dell’1,7% rispetto a un anno fa, l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie registra un incremento dello 0,3% rispetto al mese precedente e dell’1,4% rispetto ad aprile 2011. La notizia più preoccupante riguarda infine i contratti. Ad aprile quelli in attesa di rinnovo sono 34 – di cui 16 appartenenti alla pubblica amministrazione – relativi a circa 3,9 milioni di dipendenti (circa tre milioni nel pubblico impiego). Secondo l’Istituto l’attesa del rinnovo per i lavoratori con un contratto scaduto e’ in media di 29,1 mesi per l’insieme degli occupati, in deciso aumento rispetto ad aprile 2001.

I listi del Vecchio Continente apronono tutti in territorio positivo compreso quello greco. Londra +0,58%, Parigi +0,63%, Francoforte +0,76%, Madrid +0,60%, Amsterdam +0,69%, Stoccolma +0,42%, Zurigo +0,47%, Atene + 0,13%, con l’indice generale a 503,15  punti. Poi però Madrid e Atene scivolano in zona rossa perdendo entrambe circa mezzo punto percentuale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’europarlamento dice sì alla Tobin Tax. Chi l’ha proposta? Una socialista greca

prev
Articolo Successivo

Ior, Gotti Tedeschi dopo la sfiducia: “Non parlo per non turbare il papa”

next