Non doveva essere al lavoro, Nicola Cavicchi, 35 anni, uno dei due operai morti nella fabbrica di ceramiche di Sant’Agostino. ”Voleva andare al mare – raccontano in lacrime i genitori, Romana Fiorentini e Bruno – ma le previsioni del tempo non erano buone e cosi’ aveva deciso di sostituire un collega malato”. I genitori si sono iniziati a preoccupare solo quando non lo hanno visto tornare a casa intorno alle 6.30. ”Abbiamo sentito il terremoto – spiegano – ma la televisione diceva che non c’erano vittime e quindi eravamo tranquilli. E’ stato l’altro nostro figlio, quando Nicola non e’ tornato a casa, ad andare in fabbrica e a scoprire quello che era accaduto”. Grande appassionato di mare e di calcio, la vittima stava ristrutturando una casa per mettere su famiglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bambina salvata grazie a una telefonata da New York

next
Articolo Successivo

Il sisma causato dall’Appennino “sepolto”

next