Nell’attentato di Brindisi ha perso la vita Melissa Bassi, 16 anni e altre nove studentesse sono rimaste ferite. Tre di loro sono in prognosi riservata.

In particolare, rimane in pericolo di vita Veronica C., la ragazza gravemente ferita alla zona toracica e addominale dall’esplosione avvenuta ieri mattina davanti all’istituto Falcone Morvillo di Brindisi, sta lottando con tutte le sue forze. Veronica, trasferita ieri pomeriggio all’ospedale di Lecce, ha ripreso conoscenza dopo una notte relativamente tranquilla, ma le sue condizioni restano preoccupanti e i medici della Rianimazione l’hanno di nuovo sedata.

Intanto, secondo il bollettino medico emesso dalla direzione sanitaria dell’Ospedale Perrino di Brindisi “le condizioni delle due ragazze ricoverate nel centro ustioni sono stazionarie e i parametri vitali sono buoni” anche se la prognosi resta riservata. Analoga situazione viene indicata anche per le altre due ragazze ricoverate presso i reparti di chirurgia plastica per le quali i medici parlano di parametri vitali soddisfacenti. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hanno colpito le donne

next
Articolo Successivo

Brindisi e gli anticorpi della collettività

next