Che sorpresa scoprire tra i trendtweet l’ufficio in casa. Il titolo del post l’ho ripreso da uno dei tanti tweet. Tre parole, una costruzione complessa e che coinvolge sempre più italiani di ogni ordine e grado, di ogni età, di ogni estrazione sociale. Lo dico raccontando il punto di vista dei Wwworkers, ovvero quello dei lavoratori della rete, tutti con l’#ufficioincasa. Certo, dietro quelle tre parole oggi si legge anche tanta sofferenza: la crisi morde e quindi la casa – per chi ce l’ha – diventa l’unico approdo possibile. Però non è sempre così. C’è anche chi ha scelto in modo consapevole di fare questo passo così importante.

Torniamo all’hashtag: l’idea della conversazione l’ha scatenata @panzallaria. E ha avuto un forte seguito. In poche ore sono usciti tanti tweet sul lavoro in casa, ma anche sulle piccole manie e sulle frustrazioni, con le storie di chi non ha affatto scelto di lavorare in casa e ci si trova perché disoccupato.

I tweet che stanno rimbalzando in rete in queste ore sono tantissimi, tutti differenti e con un punto in comune: l’ufficio in casa. E le opinioni sono diversissime. Ve ne riporto qualcuno:#ufficioincasa non vuole dire x forza essere precari ma avere fatto precisa scelta di vita a chilometri zero. 12/14 ore di lavoro al giorno meglio farle in un posto comodo. Se sei una quasi mamma o una neo mamma l’#ufficioincasa è una salvezza”.

In realtà in questi due anni dalla nascita del movimento dei wwworkers ho incontrato centinaia di persone, dal giovane smanettone che decide di lasciare il posto fisso e di provare a lavorare in rete al manager quarantenne messo alla porta per una ristrutturazione aziendale. Una delle storie che mi è rimasta impressa è quella di Silvia Bertolucci: insieme alla sua famiglia ha aperto un negozio online dove commercializza cuscini in pula di farro, vendendo prodotti biologici e intercettando una numerosissima community di appassionati compratori. Prima Silvia e la sua famiglia giravano per i mercati. Poi hanno deciso di parcheggiare il furgoncino e di accendere il computer. La storia di Silvia e della sua famiglia è una bella storia di chi oggi ha un #ufficioincasa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Istat, persi 250mila posti di lavoro. Industria: fatturati giù del 3,1 per cento

next
Articolo Successivo

Fiat, in cassa integrazione tutti i 5400 dipendenti degli Enti Centrali di Mirafiori

next