“Chiediamo al presidente della Camera che attivi tutti gli strumenti procedurali, eventualmente anche sulla base di un parere della Giunta per il regolamento, affinchè le nomine nell’Autorità per le telecomunicazioni che la Camera si appresta ad effettuare la prossima settimana, rispondano a criteri di trasparenza e di professionalità”. E’ il testo dell’appello che deputati di diversi gruppi parlamentari hanno rivolto al presidente Gianfranco Fini.

Tra i primi firmatari Linda Lanzillotta, Beppe Giulietti, Bendetto Della Vedova, Beppe Cambursano, Arturo Parisi, Giovanna Melandri, Franca Perina, Bruno Tabacci, Giustina Destro, Walter Tocci e Silvano Moffa. “A tal fine, è necessario che prima del voto in Aula, nelle commissioni parlamentari competenti, si presentino le candidature e che queste possano essere valutate e discusse -si legge ancora nell’appello-. Ove necessario, l’elezione dei componenti di competenza della Camera potrà essere rinviata di un congruo termine anche in considerazione della proroga dell’attuale Collegio disposta per due mesi. Sarebbe in ogni caso inaccettabile una procedura in cui i deputati fossero chiamati a votare nomi scelti, al di là delle qualità professionali delle singole persone, secondo logiche spartitorie ed opache”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Molise, il Tar annulla le elezioni regionali del 2011. Il voto dovrà essere ripetuto

prev
Articolo Successivo

Autoblu non ne possiamo più

next